Giardino Sonoro: esperimento legato al suono ecologico

Facebook
Twitter
LinkedIn

Al Giardino delle Vergini dell’Arsenale, in occasione dell’apertura del 56° Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia, è stato organizzato il “Giardino Sonoro”, interessante esperimento legato al concetto di suono ecologico. Il giardino sonoro sarà visitabile col biglietto della Biennale Architettura e con i singoli biglietti degli spettacoli della Biennale Musica.

Il Giardino Sonoro, dove lo spazio modella i suoni o dai suoni si fa modellare, è ideato da un’equipe di specialisti – architetti, designer, ingegneri del suono, urbanisti, integratori tecnologici – guidati da Lorenzo Brusci e Simone Conforti, riuniti sotto il nome di Architettura Sonora e dal 2009 operanti nel dipartimento per la ricerca istituito da un’azienda leader nel mercato mondiale degli altoparlanti.

Il progetto da loro sviluppato, chiamato Automatic Soundscape Generation (ASG), nasce allo scopo di riqualificare tutti quegli ambienti che sono deturpati dall’inquinamento acustico.

×