Il Festival del cinema di Venezia

Giunto alla sessantottesima edizione, il Festival del Cinema di Venezia anche quest’anno di preannuncia come uno degli eventi più attesi del 2011, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Dal 31 agosto al 10 Settembre infatti, non sarà raro uscire per le calli di Venezia o per le vie del Lido e trovare personaggi del calibro di George Clooney, Johnny Depp, Sofia Loren, e magari anche mostri sacri come Spielberg e Tom Hanks, ecco perchè la corsa a biglietti in sala e stanze d’albergo si fa febbrile fin da Primavera: i fans più scatenati non vorranno di certo perdersi l’occasione di ammirare i propri beniamini da vicino ed in una cornice così spettacolare come solo Venezia può essere.

Visite guidate alla Chiesa di S.Antonin a Venezia

Dopo oltre vent’anni di restuari, riapre la Chiesa di S.Antonin, uno dei tanti gioielli nascosti di cui si può pregiare Venezia: altari, dipinti, sculture, campanile ed intonaci finalmente si potranno ammirare in tutta la loro eleganza tutti i giorni, grazie alla visita guidata (costo 8.00 euro, durata un’ora circa). Inoltre, con grande stupore di molti, gli scavi archeologici hanno riportato alla luce un sarcofago del Trecento, strutture tombali, molte ceramiche quattrocentesche e fondazioni degli impianti precedenti, dal momento che la Chiesa per quanto consacrata nel diciassettesimo secolo pare fosse stata costruita già a partire dal settimo secolo, grazie al volere della famiglia Badoer.
A testimonianza dell’importanza di questo edificio, è d’obbligo menzionare la Cappella di San Saba, edificata nel Cinquecento, al cui interno è stato ricollocato il ciclo pittorico di Jacopo Palma il Giovane.

Per info e prenotazioni: 041 2413817

L’incanto dell’oro bianco alla Fondazione Querini Stampalia

Per gli amanti della porcellana è l’occasione giusta per coniugare un soggiorno a Venezia con una visita culturale speciale, aggiungendo ai classici itinerari veneziani un qualcosa di unico come la fusione di alcune tra le più interessanti collezioni di porcellana del mondo. Saranno oltre duecento gli oggetti esposti presso le sale della fondazione Querini, in collaborazione col museo Marton, provenienti dalla Croazia e dalla collezione viennese, ripercorrendo tutta la storia delle porcellane austriache dall’epoca di Du Paquier, al Neoclassicismo, fino al periodo  Biedermeier. E poi porcellane tedesche, in primis di Berlino e Francoforte, nonchè la collezione di S.Pietroburgo, poco conosciuta ma molto interessante; e per finire verranno esposti vasellame, putti e porcellane da tavola appartenenti alla settecentesca collezione Ginori di Doccia, per la prima volta al di fuori della loro sede originaria.

Dove: Fondazione Querini Stampalia, Castello 5252, 30122 Venezia, tutti i giorni dalle 10 alle 19, chiuso il Lunedì, costo 10.00 euro 

I Vorticisti: artisti ribelli a Londra e New York

Presso la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia (Dorsoduro 704), a partire dal 29 Gennaio 2011 e fino al 15 maggio, verranno esposte oltre 100 opere dei cosiddetti “Vorticisti“, artisti ribelli in voga nei primi anni del Novecento tra Londra e New York, il cui tema dominante era coniugare forme meccaniche con l’energia propria del vortice, conferendo al tutto un’accezione piuttosto astratta. Il movimento in passato non salì alla ribalta a causa del contemporaneo emergere durante quegli anni di due correnti fortissime che avrebbero caratterizzato e influenzato buona parte del secolo: il futurismo in Italia e ancor più il cubismo francese. Il tentativo attuale è dunque quello di riproporre le tre mostre vorticiste andate in scena durante la prima guerra mondiale, ecco perchè non mancheranno quadri, sculture, fotografie e altro di tre importanti attori del Vorticismo: Percy Wyndham Lewis, Edward Wadsworth e Henri Gaudier-Brzeska. Purtroppo non sono esposte opere del più noto di tutti, il russo Vassilij Kandinskij.